Panificio Cafissi


La storia del Panificio Cafissi ha origini lontane, quando intorno alla metà del 1.800 Raffaello Cafissi intraprese l’attività di fornaio a Catena di Quarrata e successivamente affiancato dal figlio Nazzareno e sua moglie Giovannina, che  introdussero tre forni a legna all’interno del laboratorio.

 


Nazzareno e Giovannina ebbero poi due figli Otello e Luigi , che insieme ampliarono l’attività  introducendo la produzione di pasta fresca.
La morte prematura del fratello Luigi, però, costrinse Otello a dedicarsi soltanto all’attività del Panificio, fino a quando il figlio Umberto con la moglie Elisabetta succedette all’attività del padre.
Da qui ha inizio la storia recente, che vede il Panificio Cafissi ampliarsi anche alla vendita all’ ingrosso, aprire, per esigenze di spazio, un altro punto vendita e laboratorio a Seano con un nuovo  forno a legna e con l’arrivo dei figli  David e Ronny inserire anche il settore della pasticceria.



I figli stanno mantenendo la tradizione centennale accompagnandola alle nuove richieste del mercato, senza dimenticare la qualità che per secoli li ha contraddistinti.  Per questo continuano ad aggiornarsi, vantando iscrizioni importanti, come quella al  Richemont Club Italia.


Da sempre la passione per il lavoro, l’attenzione per i gusti tradizionali, la scelta di materie di prima qualità, l’artigianalità dei processi e la cura per i dettagli sono gli ingredienti del successo del Panificio Cafissi.



L’ambizione oggi li porta a intraprendere una nuova sfida:

ampliarsi ulteriormente, introducendo la linea del freddo con prodotti precotti e congelati

per la grande distribuzione con macchinari all’avanguardia.

E la storia continua . . .